Davide Matera, L’animale verticale

Immaginate di essere albero, pianta o animale di bosco, anno dopo anno carbonizzato dal virus più spietato esistente sulla faccia della terra.

D’essere un animale sgozzato con inaudita violenza. Di vedere scorrere, in preda al terrore, il vostro sangue nel puzzo di un macello per soddisfare rozzi palati di uomini senza pietà e il cui inevitabile fine è cacarvi dopo avervi digeriti; di vedervi mancare il suolo che vi ha sempre ospitati per l’ingordigia senza pace dell’animale verticale.

Di vedervi strappare i vostri figli perché indesiderati e scomodi. Di sentirvi in gabbia, antichi figli della terra libera, legati a macchinari da ricercatori occhialuti che senza pietà vi usano come cavie da laboratorio.

Un Olocausto infinito.

Mi deprime e mi rattrista quello che stiamo vivendo come esseri umani, mi angoscia, ma la terra forse ha un’anima che noi non abbiamo mai compreso pienamente, o che abbiamo smarrito strada facendo.
Non è vendetta quella della natura; quella è una miseria che appartiene solo all’uomo.
È una forma di equilibrio, un avvertimento.
A futura memoria.
Monreale, 17 maggio 2020, Lodi Mattutine.
vivisezione-gatto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...