Davide Matera, Avevo il caffè sul tavolo

Avevo il caffè sul tavolo,
e mi pareva non finisse mai di guardarmi
l’uomo con l’occhio guercio,
di sguardo cattivo,
ma solo all’apparenza.

Orientavo le mie mani in senso orario
tra i granelli splendenti di zucchero:
“sembrano tutti soli quegli uomini”
e mi ritraevo per scommessa
dagli sguardi lontani e vagheggianti.

Si, non era cattivo quello sguardo,
era solo guercio contro sua volontà
e mi guardava,
e pareva volesse dirmi qualcosa.

 

Innsbruck 2 Marzo 1989

1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...