Davide Matera, Mi scivoli tra le dita

Mi scivoli tra le dita
Impercettibile come seta
Se ti prendo posso sentirti scorrere
Sul mio corpo ed è un inizio di tempesta
Un fuoco di rara memoria
Una strada sinuosa e alberata
Una radura d’estate matura

Mi scivoli piano e silenziosa
E sopra di me scorgo le tue masse
Il tuo ansimare piano e lento
Quell’ondeggiare senza fine
Dei tuoi fianchi
Il pallore della tua carne
Che si fa liturgia

Mi scivoli tra le dita
E trattieni il mio morire
In quel dischiudersi delle tue labbra
Nell’infinita dolcezza
Della tua voce
Che mi implora
E ancora lo fa
Prima di abbandonarsi
Al trasalire “di tutti i cieli in travaglio”.

D.M.
MNR

 

 

13453_1513180755234_1413234_n

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...